Diy che passione. Gruccia appendicollane #diy

Vi ho mai annoiati parlandovi della mia passione per i DIY? Non ancora? Strano…
Se qualcuno si sta chiedendo di cosa sto parlando rispondo subito dicendo che è
semplice acronimo per dire #faidate.
Do It Yourself ovvero DIY  ovvero Fattelo da solo e avrai il mio amore.
Non mi dilungherò con inutili digressioni ma passo al contributo visivo:
la gruccia appendicollane

Gruccia diy per appendere collare

Ovviamente il materiale per realizzare questo banalissimo progetto consta di pochissimi elementi.
1. gruccia appendiabiti di legno (questa credo fosse di nonna)
2. chiodini e martello
3. colore acrilico
4. tutto quello che volete per decorare (nastrino preso in merceria e uccellino fatto da me e si vede, ritagliato e “decorato” con ago e filo).

Ho cassetti pieni di inutile bigiotteria di infima qualità ma che non posso fare a meno di acquistare. Quelle che vedete in foto sono solo alcune delle collane che indosso, alcune manco le metto più. Ma sono appese e ciao, sono troppo pigra per buttarle o conservale.
La gruccia la trovate nel vostro armadio, quello di mamma, nonna, zia, coinquilina amica o fidanzata (tutto al femminile perchè?).
Se avete a disposizione del colore acrilico potete colorare del colore che preferite (potete usare pure dei washi tape colorati) attendete che il colore si asciughi e poi prendete
Metro (rubate quelli di carta da ikea quando andate) e cercare di mettere i chiodi equidistanti, potete anche scegliere dei gancetti.
Martellate (o avvitate) e non vi rimane che appendere le vostre cianfrusaglie.
Utile, a costo zero se pensate ai vecchi appendini, o il costo dei chiodi e del colore acrilioco.
Le collane avranno sempre una collocazione ordinata e soprattutto visibili.
Buon DIY a tutti

Orchessa

Annunci
Pubblicato in Varie | Contrassegnato , , , , , , | 13 commenti

I provenzali, Shampoo Dolce Marsiglia, è amore

Lo sto utilizzando da un mese circa e ho testato le diverse modalità di lavaggio perfetto per la mia tipologia di capello. Per ora lo amo.
Lo shampoo delicato al sapone di Marsiglia de I provenzali. qui trovate la descrizione.
non avevo mai provato i prodotti per i capelli della linea, ero alla ricerca di uno shampoo delicato, non aggressivo per contrastare il ciclico stress del mio cuoio capelluto.
Shampoo delicato al sapone di Marsiglia con verbena e melissa.
La confezione dal sapore retrò ha catturato la mia attenzione visto che ero alla ricerca di qualcosa di delicato, e la stampa vintage di mamma con bimbo dentro il catino di legno subito mi ha richiamato all’idea di delicatezza.

wpid-picsart_1425981404907.jpg

Liquido trasparente che richiama l’idea di pulito, questo shampoo non contiene PARABENI, SLES E SLSe PETROLATI.
La profumazione è delicata e raffinata. Amo questo prodotto insomma.wpid-picsart_1425981593325.jpg

Ho i capelli lunghi e devo dire che sono abbastanza sani. Poche doppie punte ma capelli che tendendo al grasso. Certamente alcuni prodotti risultano più antipatici per loro che di risposta si sporcano in mezza giornata.  Perciò, no a shampoo carichi di schifezze al petrolio e affini. Al solo presentargli certi prodotti loro rispondono così:

Invece con questo shampoo dalla consistenza leggermente liquida e non esageratamente schiumosa, ho trovato un validissimo aiuto.
Procedo con inumidire bene i capelli non utilizzando l’acqua troppo calda che aggredirebbe troppo il cuoio capelluto, applico un po’ di prodotto sulla mano e distribuisco su tutta la testa.
Friziono con forza cercando di imitare il movimenti del parrucchiere e non lasciare nessun a zona della testa senza essere frizionata, perché altrimenti si rischia che quella zona andrà a sporcarsi prima e di conseguenza “infettare” il tutto.
Lo shampoo se ben distribuito produce una schiumetta profumata, che aiuta a lavare bene. Risciacquo in acqua tiepida tendente al freddo e applico una seconda porzione di prodotto, meno della prima, friziono bene e cerco di puntare sulle zone che solitamente mi creano disagio. Friziono friziono e risciacquo.
Applico il balsamo, solitamente Splend’or al cocco e districo i capelli.
Ultimo passaggio acqua fredda su tutte le lunghezze e anche sul cuoio capelluto per pochi secondi. Tampono i capelli senza sfregare troppo. Asciugo utilizzando solo aria non troppo calda alla radice e poi più calda sulle lunghezze.
La combo vincente:

wpid-picsart_1425981180904.jpg

Ho sperimentato che utilizzare la piastra sui capelli, questi poi rimangono puliti più a lungo. Avendo i capelli lisci non sento l’esigenza di utilizzare la piastra molto spesso ma l’azione combinata di questi passaggi su di me produce questo effetto, VINCENTE direi.
Il prezzo non lo ricordo ma credo fosse circa 3-4 euro da Saponi e Profumi.

Pubblicato in beauty, Opinioni, Varie | Contrassegnato , , , , , | 6 commenti

MakeUp Revolution LIP VELVET. Review

MakeUpRevolution  è un nuovissimo brand che lancia i suoi prodotti sul mercato ad aprile del 2014, negli Uk. La loro produzione è cosi veloce e costante che solletica i gusti di molti e soprattutto il prezzo davvero basso.
I prodotti MakeUpRevolution non sono in vendita in Italia ma sono reperibili online, oltre al loro sito anche su Maquillalia, famosissimo sito spagnolo che vende moltissimi brand tra cui MUR.
I loro prodotti sono molto chiacchierati specialmente per i loro famosissimi dupe o rivisitazioni in chiave economica di brand decisamente meno a buon mercato.

Troppo spesso si accomuna ad un prodotto costoso una garanzia di qualità indiscussa, ma questo non è ormai più una verità assodata. Non sempre la qualità è accompagnata da un prezzo elevato. Forse questo è uno di questi casi.
I primi cavalli di battaglia di MUR sono i dupe della Naked della Urban Decay (sto preparando due post in proposito).

In questo post mi concentro sul Salvation Velvet Lip Lacquer nel colore Rebel.
Una tinta per labbra effetto matt a lunga tenuta. Anzi direi estrema tenuta.
La confezione si presenta come un classico tubetto di gloss, tutto in plastica con scritta gotica dorata. Normale applicatore in spugna.

Caratteristiche: colore super pigmentato, odore leggermente chimico che ho riscontrato in altri prodotti di questo tipo, credo sia tipico delle tinte.
Appena il prodotto viene applicato risulterà morbido e setoso, si noterà subito che è molto colorato e stenderlo non è difficile perché scivola bene sulle labbra.
Una volta che il prodotto di asciuga ( 1 minuto circa) rimane posizionato sulle labbra e non si muove per molte ore.
In questo momento lo indosso e posso dire che nonostante abbiamo mangiato (penne al sugo, bevuto acqua, mangiato frutta e dessert) il colore è svanito solo nella parte interna.

wpid-img_20141015_120506.jpg

Ha un difetto che credo sia tipico delle tinte per labbra che trovo leggermente chimiche, che è quello di seccare le labbra.

Dopo qualche ora il prodotto effettivamente tira e secca. Questo però è un problema che si può ovviare usando un buon balsamo.
Diversamente  senza idratazione invece, si seccano prima e il prodotto tende a rovinarsi, a volte staccarsi a pezzi dalle labbra. Insomma idratate prima, NON  subito prima di mettere il lip lacquer ovviamente, altrimenti questo non aderirà alla pelle ma scivolerà via.

Il prodotto è più che valido, prestazioni ottime, durata notevole prezzo bassissimo.
Vorrei provare dei colori più chiari per vedere la tenuta e l’effetto.

Adatto per chi ama i prodotti ad alta tenuta e per chi non ha grosse problematicità di pellicine o labbra ultrasensibili e secche.

Pubblicato in Opinioni, Varie | Contrassegnato , , | 6 commenti

[Tag] 5 buoni propositi per il 2015: cose che ancora non facciamo e che dovremmo fare nella nostra beauty routine

Tag. Un tag ti salva la vita.
Ti salva dalla pigrizia mentale che ti attanaglia cara la mia orca e visto che la mia amata Sara Lisistrata mi urla “SVEGLIAA” io mi sveglio e mi metto a lavoro per rispondere al tag. Lo faccio per me soprattutto perché carta canta..
Qui trovate il posta di Sara<3
http://wannaberenoir.blogspot.it/2015/02/tag-5-buoni-propositi-per-il-2015-cose.html
amatela molto anche voi.

Questo simpatico pezzo è stato inventato da Deirdre e le ragazze di Biancaneve makeup) e che ci invitano a partecipare semplicemente citando loro come creatitici e coinvolgere altre blogger. Iniziamo con i propositi anche se siamo già in ritardo:

Skincare viso: il proposito è riprendere con costanza. Costanza e io abbiamo avuto qualche problema dovuto a Pigrizia. Ecco pigrizia è il caso che si mette da parte e riprendo a trattare la mia pelle isterica e acneica e di stare dietro con cura.
Ovvero pulire con la spazzola (sta tornando in me fortissima la voglia del Clarisonic) idratare e cercare di neutralizzare i brufoletti sul mento. Per ora userò solamente il tee tree oil.

Skincare corpo: solo una parola, farla. Io odio profondamente tutte le creme copro, ma pure mousse e oli vari. Sono pigra che manco una scimmia lo è visto che pratica con assiduità il grooming, che è comunque prendersi cura della pelle.
Io zero….ogni tanto metto un po’ di crema, ma spero che il solo bagnoschiuma faccia chissà quale miracolo.
Sono Pessima, con la P maiuscola. Da qualche giorno dopo la doccia sto usando una crema che stranamente non mi fa schifo e non mi da problemi, una crema corpo della Phytorelax al burro di karitè, che si assorbe e lascia la pelle morbidissima. Pensate come sto messa.

Skincare capelli: tagliarli. Basta con il rifiuto del parrucchiere. Non mi piace andare dal parrucchiere e con la scusa dei capelli lunghi ne faccio a meno. Ma ora basta.
“vai e dai dignità ai tuoi capelli che grazie a dio sono sani e forti.
Ciao sono Laura e non ho doppie punte. Boh.”

Makeup&Nails: Sul make-up non ho molto da promettere, devo dire la verità.
Sono tranquilla e rilassata. [temo la prossima crisi che mi porterà da Mac a comprare rossetti].  ahahahah. BOH 2

Sulle unghie invece devo parlare di nuovo con Costanza, lei sa. Certo una telefonata a Madre Natura e chiedere perché non posso avere unghie sane e forti. Mettere l’indurente e vedere se possiamo aspirare ad unghie normali. Non cadere in tentazione di smalti semi permanenti con unghie molli e fragile come le mie.

Alimentazione: Bere acqua. Bere mooolta acqua. Ne bevo poca e non so quantificare.
Sono arrabbiatissima che mia sorella non abbia trovato la borraccetta di primark.
La volevo cosi potevo rendermi contro di quante volte la riempivo.

Andavo dicendo che mi serviva per andare a correre, millantavo che con la mia borraccia darei andata ovunque e avrei bevuto litri di acqua al giorno. Invece non c’era.
Ma vi lascio il mio indirizzo di casa se volete mandarmi due o tre borraccette a casa.

[so di non stare bene, ma mi serve una borraccia coi gufetti o con le gattino giuro]

La voglio…

Chiunque voglia partecipare al tag è ovviamente il benvenuto. Ricordate di citare le creatrici del tag. Share the love e the tag

Pubblicato in Varie | 9 commenti

Una giornata da Mac.

Una giornata particolare…anche se non vorrei scomodare film importanti a tematiche importanti come quello, ma è stata una davvero una mattinata particolare.
Senza programmazione alcuna mi sono ritrovata immersa in una giornata beauty.

Iniziando con trattamento alla BrowBar Benefit del punto vendita di Sephora (non per me..che ormai alle mie sopracciglia posso solo dire “mamma vi mette un po’ di colore”).
ho assistito ad un trattamento completo fatto da una bravissima ragazza che ha decisamente trasformato delle sopracciglia senza forma alcuna in una elegantissima brow style senza cambiare o alterare i tratti ma solo addolcendo lo sguardo.

Dopo Sephora, la tappa obbligatoria per me che millanto di possedere un blog, era Mac.
Nella mia regione non era presente nessun corner o punto vendita Mac, e a dicembre
ha fatto il suo trionfale ingresso da noi, per la gioia delle appassionate e le MUA della Sardegna il primo store.

Giubilo tra le addicted che hanno preso d’assalto il negozio, mentre la sottoscritta
che è pochissimo seria non si era ancora recata.
A parte il desiderio spasmodico di afferrare a piene mani centinaia di prodotti e imbrattarmi letteratamente la faccia, mi sono educatamente trattenuta, alto rischio
di TSO e ho girovagato per il negozio.

Non mi sono sentita seguita tanto meno pedinata, e questo è un punto a favore, libertà di movimento è per me essenziale per avvicinarmi all’acquisto di qualsiasi prodotto.
Una volta perlustrato il territorio ho atteso che il MakeUpArtist Paolo fosse disponibile per qualche consiglio.
Ciao mi consiglieresti una cipria compatta?
Certo– risponde gentile lui e parafrasando, con la sua professionalità ha poi detto una cosa tipo – carissima figliola però prima azzecchiamo il colore del tuo fondo. –

Allelujaaaaaaaa coro di angeli dal cielo Paolo in 4 secondi e mezzo ha detto che il mio fondo non era giusto per me, che non sono rosa..ma gialla (sottotono) e che se avessi avuto qualche minuto a disposizione mi provava il giusto colore.

E mi sono trovata seduta sulla sedia per fare una sessione di prodotti adatti a me.
mi strucco e tolgo lo strato di fondo e chili di correttore dalla mia pelle mentre il valente artista mi spiega e mi illustra tutto quello che mi serve sapere per eseguire una base perfetta. La sua è davvero perfetta. Tolto dalla mia pelle il rosa maialino, che per quanto io sia chiarissima effettivamente non è il mio sottotono.

La sessione trucco è stata di una gentilezza estrema, Paolo è stato attento, puntale e accurato nelle spiegazioni, ma anche alla mano e simpatico, un trattamento adatto a tutti, dai neofiti del makeup alle addicted.
Felicissima dell’attenzione riservatami ho deciso di prendere il fondo visto che il mio amato Dior sta finendo, la cipria compatta. Ho lasciato in stand-by l’acquisto del correttore che credo però acquisterò a breve.wpid-wp-1423305657223.jpeg

Ho sfruttato l’occasione per provare finalmente su di me un fucsia, e ho chiesto di provare il Flat out fabulous . E dopo qualche istante di perplessità ho deciso che era amore.
Parlando con Paolo poi ho capito perché mi piacciono certi colori, perché sono degli antagonisti del mio sottotono giallo.
Flat out fabulous è venuto con me a casa perché mi è poi stato regalato da mia cugina che vedendomi sorridere con quel colore ha deciso di farmi questo bellissimo regalo.

wpid-wp-1423306091077.jpegPaolo ha poi detto una cosa sacrosanta che sposo in pieno (con i dovuti accorgimenti)

“Non ci sono colori che ci stanno male, ma colori che non armoniosi o abbinati con tutto
il resto” più o meno era così. Un rossetto va indossato e basta. Certo alcuni colori possono essere di contrasto o non essere calzanti perfettamente per tono o sottotono, ma vanno indossati con i giusti accorgimenti. Perciò provate i colori e vedete se vi piacete o meno, anche l’arcobaleno indossa tanti colori e sorride. Dovremmo fare lo stesso

Be a rainbow. Everyday.

Pubblicato in Opinioni, Varie | Contrassegnato , , | 28 commenti

Kiko Daring Game: matitone ombretto.

Sono giorni che mi dico di darmi una mossa nello scrivere questo post. Perché il prodotto che voglio recensire è ora negli store, scontato.DSCN1888

Parlo del matitone ombretto Kiko della collezione Daring Game. Troverete mille articoli online il mio sarà una conferma a molti di loro.
Ecco un veloce riassunto. Io me ne sono innamorata e sicuramente motivata da tutte le opinioni super positive ho deciso di provare due colorazioni, quelle più neutre, ma forse potrei farmi tentare dal blu o verde.

Ecco cosa mi ha colpito del prodotto:
1. La praticità e la velocità di stesura. Basta impugnare e colorare
2. Prodotto che rimane dove lo si mette. Ha i suoi contro, perché se si asciuga e lo avete steso male…dovete diciamo struccarlo
3. Colore vivo
4. Prezzo scontato 3.90
5. RESISTENZA

Ho provato ad usarli da soli e come base per far risaltare alcuni colori.
ho comprato il numero 10 e il 24 (bold rosy taupe e majestic dove-grey)
Link dei prodotti

DSCN1890

Per me sono un rosino e un marroncino taupe, lo dico spassionatamente senza giri di parola che se ne a parlare di che colori vedono alla Kiko famo notte. Li ho provati insieme, usando il rosa al centro e creando un punto ombra nell’angolo esterno, li ho utilizzati da soli, e usati come “base” potenziando il colore applicato sopra.

DSCN1886

Sfumano ma dopo poco si asciugano come detto, non  mi vanno nelle pieghe mai.
Sia con primer che senza. Tenete presente che dimentico di utilizzare il primer per occhi
4 volte su 5, ma sempre il fondo lo applico sulle palpebre.
In velocità lo applicato direttamente sulla palpebra nuda. Il colore rimane fermo e poi
struccarlo con salviette, no. Almeno le mie no. Ho usato un bi-fasico per un trucco più strutturato.
In soldoni: compratelo, è figo.

DSCN1889

Pubblicato in beauty, Opinioni, Varie | Contrassegnato , , , , , , , , , , | 17 commenti

Je suis Charlie

Perdonate la pesantezza, in una pagina che nasce per leggerezza ma in una giornata di gennaio qualcuno ha sparato ad uno specchio che si è infranto in mille pezzi, e questi graffiano anche qua.
Un attentato alla libertà di parola, alla satira, al libero giornalismo, ma alla libertà di ognuno di noi. Con violenza inaudita hanno messo a tacere delle persone che facevano
il loro lavoro e facevano cultura.
A leggere le notizie sui principali siti si sente il sangue gelarsi ed è impossibile non
pensare che la cosa riguardi tutti persino io che scrivo di rossetti e altre inutilità.

La mia condanna di mente pensante, di mente che sbaglia anche, commette errori e portatore di pregiudizi involontari talvolta, ma in tutta la mia umanità condanno a
gran voce e rabbrividisco di fronte a tanta violenza.


Pubblicato in Varie | Contrassegnato , , | 4 commenti

Ho ritrovato la Storia di Fiocco Dineve e Goccia DIpioggia

L’inverno ora è proprio arrivato. La neve cade copiosa su tante città. Qui da me c’è solo freddo ma non credo che nessun fiocco di neve cadrà.
Stavo pensando questo quando mi sono ricordata di aver scritto due anni fa, anzi tre (questo numero mi fa paura) una favoletta, per bimbi forse, ma forse è solo per me.
Mi fa tanta tenerezza, e quando penso alla neve mi ricordo di me alla finestra che mi godevo lo spettacolo dei grossi fiocchi che cadevano leggeri.
Non l’ho riletta, o corretta ma solo aggiunta qui. Intatta come l’avevo scritta allora.
Stanotte la dono ai passanti…

VLUU L100, M100  / Samsung L100, M100

Storia di Fiocco Dineve e Goccia Dipioggia

E’ una normalissima giornata inverale in cielo…ma c’è un grande mormorio lì sulle Nuvole. Si borbotta, si bisbiglia e qualcuno di agita. Insomma un gran movimento.

Si vocifera che oggi ci sarà una bella giornata, e il giorno di debutto, si. Tante goccioline e i fiocchetti devono stare pronti per la loro prima volta.

Il maestro ha spiegato loro tante volte come ci si deve comportare, al giusto segnale tutti pronti e via.

Fiocco Dineve è nervosa, è per lei la prima volta.

Non ha mai visto cosa c’è dopo le nuvole. Lei non sa cosa sono i colori. Conosce solo il bianco. Sono tutti così, come dire..bianchi.

Ha sentito parlare molto dei prati, boschi, foreste rocce montagne tetti macchine strade…ha studiato tutto bene. Sa perfettamente cosa sono, ma non sa davvero cosa sono.

Ha paura Fiocco….

Le sue compagne sono agitate, nervose saltellano e fantasticano sulla discesa…qualcuna parla delle gocce di pioggia.

Ma nessuno le ha mai viste. Dicono di loro brutte cose. Che sono arroganti, antipatiche e addirittura grigie.

Cosa vorrà dire poi grigie Fiocco non lo sa. Osserva il cielo alla sua sinistra e sa che quelle nuvole scure sono cariche di pioggia ma lei non le conosce proprio.

Sono vicine ma separate.

Simili.

Chissà.

Fiocco sta in disparte e osserva in silenzio.

Poi, all’improvviso tutto si agita… cambia tutto.

Fiocco non sa dove andare, non ha capito, è nervosa

Inizia a correre da un parte all’altra delle nuvole, corre, corre e

Boooommm, sbatte contro qualcosa.

“Oioi che dolore, il suo vestitino di cristalli si è tutto scomposto, dovrà mettere di nuovo in ordine i cristalli” pensa infastidita Fiocco.

Solleva lo sguardo e vede Goccia.

Lo guarda ipnotizzata. Goccia è qualcosa di magico.

Goccia è trasparente. Non è bianco. E così, così.. così luminoso.

La luce attraversa Goccia che diventa abbagliante.

Fiocco è intimorita, abbassa lo sguardo e osserva di sottecchi una famigerata goccia di Pioggia.

-Ciao – fa Goccia sorridendole.

– ciao – risponde Fiocco diventando stranamente molle e rosata

– tu sei un fiocco di neve? –

– si-

– e tu una goccia di Pioggia?-

– Veramente io sarei dell’Armata dei Goccioloni di Pioggia – tuonò pomposo Goccia

– ohh non sapevo dell’Armata- disse timida Fiocco.

– Beh certo siamo un Armata piuttosto segreta. Noi siamo pronti a discendere se è necessario.- disse Goccia aggiustandosi il ricciolo trasparente che ha sul capo.

Fiocco osserva incantata la luce e la magnifica livrea trasparente di Goccia che si accorge di essere ammirato dal piccolo fiocco di neve che un po’ si pavoneggia ai suoi occhi.

– Bella la nostra divisa di Aqua vero? Voi invece siete così bianchi, troppo bianchi.-

Infastidita Fiocco fa per rispondere ma Goccia la interrompe..

– E comunque stai attenta alla discesa, molte volte alcuni di noi si fanno male durante l’atterraggio. Nessuno ve lo dice mai..ma si scende così in fretta che a volte ci si fa male. Un volo dritto dritto verso il suolo.-

Fiocco sbianca ancora di più del suo bianco se è possibile.

Iniziano a balenarle mille cose in testa, ha paura, trema che è tutto un tintinnio di cristalli.

E poi arriva la chiamata. Le nuvole cambiano colore.

Tocca a loro. Oggi è un giorno di Neve.

Goccia la guarda e le dice

– Su su corri, vai verso le tue compagne..eh buona fortuna Fiocco-

Corre Fiocco, corre verso le sue compagne che sorridono felici, e lei invece ha così paura.

– Pronte????- urla il maestro

– Pronteeeee – urlano i fiocchi di Neve.

Urla anche Fiocco che ha paura ma è felice perché in fondo, lei è un Fiocco di Neve.

Si butta Fiocco.

E il suo vestitino di cristalli si apre e lei balla leggera nell’aria.

Va un po’ di qua e un po’ di la..vola dove le pare Fiocco.

Non è come diceva Goccia di Pioggia. Non è un viaggio verso terra veloci. Lei volteggia nell’aria. Lei vola un su e giù.

Solleva lo sguardo e osserva le Nuvole. E poi guarda intorno a se i colori. Vuole andare a terra. Non ha paura.

Volteggiando ci arriva e come una ballerina poggia leggera il suo corpo sulla Terra, facendo un piccolo inchino e li poggia il suo vestitino di cristalli. Lei Fiocco di Neve.

Laura 09-02-12

Pubblicato in Varie | 10 commenti

Educarci al silenzio?

Se non si può avere il tutto, il nulla è la vera perfezione.

Non scrivo da più di due mesi, ho pensato tante volte di prendere le bozze e farle diventare post. Ho pensato di scrivere anche pensieri, o condividere qualcosa, ma non era fatto bene. Non ero presente. E mi dispiace sprecare una citazione di 8 1/2, per il mio blog frivolo, il mio blog arrangiato che parla di qualcosa di così poco serio.
Ma è serio invece quando scrivo per chi legge, con tutta la sincerità di cui sono capace, e tornerò quando avrò di nuovo tutte le energie per essere presente.

Saremo di nuovo in passerella.

Ma educhiamoci al silenzio, a volte è cosi bello.

Non mi dimentico di tutto.

Pubblicato in Varie | 8 commenti

Il nostro primo Giveaway!

giveaway delle nostra kami

Pubblicato in Varie | 1 commento